AfricaKenya • Ciaoviaggi

Inserito a pieno titolo nel novero delle più attraenti località turistiche internazionali, il paese dei Masai, offre spiagge sabbiose bagnate dalle incontaminate acque dell’Oceano Indiano e parchi naturali dall’esotica fauna selvatica.
Perché visitare il Kenya

Sulla costa orientale dell’Africa il Kenya è attraversato dall’Equatore e questo influisce molto sul clima tendenzialmente caldo e umido.

Inserito a pieno titolo nel novero delle più attraenti località turistiche internazionali, il paese dei Masai, offre spiagge sabbiose bagnate dalle incontaminate acque dell’Oceano Indiano e parchi naturali dall’esotica fauna selvatica. Gli scenari naturali più belli sono in concomitanza degli altopiani centrali e della famosa Rift Valley, mentre le vaste pianure meridionali sono caratterizzate dalle acacie a ombrello e dai secolari baobab, salendo in quota invece si incontrano specie di piante insolite come i seneci giganti, dai fiori dai grandi petali, e le alte lobelie.
 A questo si aggiunge la vivace capitale Nairobi caratterizzata da grattacieli moderni, ville residenziali, locali e musei.

Informazioni utili

Clima: essendo all’altezza dell’Equatore il clima è sempre caldo e umido. Da marzo a maggio è la stagione delle grandi piogge, da ottobre a dicembre delle piccole piogge, il periodo più caldo va da gennaio ad aprile

Quando andare: il periodo migliore per visitare il Kenya va da gennaio a febbraio e da giugno a settembre, da evitare la stagione delle grandi piogge

Cosa mettere in valigia: meglio scegliere un abbigliamento sportivo comodo, cappello leggero, occhiali da sole e creme solari, scarpe da escursionismo, costume da bagno e una leggera giacca a vento; da non dimenticare un repellente contro le zanzare; adattatore universale per la corrente elettrica. In alcuni locali o lodge è usanza indossare un abito elegante per la cena

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto. Occorre altresì essere in possesso di un biglietto aereo di andata e ritorno. All’ingresso nel Paese, viene apposto un timbro sul passaporto, dal quale risulta la durata del soggiorno. Si consiglia al turista di dichiarare il periodo effettivo del soggiorno in Kenya e di controllare il timbro apposto sul passaporto; la proroga del soggiorno può essere ottenuto solo presso gli uffici competenti per l’immigrazione. Le sanzioni per il mancato rispetto di tale procedura possono arrivare anche all’arresto. Per entrare in Kenya il passaporto deve avere almeno un’intera pagina bianca, al fine di poter apporre il visto d’ingresso. In caso contrario, i viaggiatori potrebbero non essere accettati nel Paese e fatti rientrare in Italia con il primo volo utile.

Visto d’ingresso: necessario, il visto turistico (tourist visa) valido per un mese, tre mesi o, in casi particolari, rinnovabile fino a sei mesi
Vaccinazioni: nessuna obbligatoria, previo parere medico è consigliata l’antimalarica
Distanza dall’Italia: il Kenya è raggiungibile dall’Italia in aereo. La durata del volo da Milano Linate e Malpensa a Nairobi, con scalo a Roma, è di circa 10 ore
Fuso orario: + 3h (da ottobre a marzo), +2h rispetto all’Italia (da marzo ad ottobre); +1h quando in Italia vige l’ora legale
Capitale: Nairobi
Moneta: Scellino keniota (KES)

Capitale:
Nairobi
Moneta:
Scellino keniota (KES)
Condividi su social network

Lascia un commento

L’indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

La nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e riceverai offerte esclusive direttamente nella tua casella di posta.

    Realizzato da Chiara Roggero | KORAlab

Visitaci sui nostri Social Network